La Grande Onda di Kanagawa in formato Lego!

La grande onda di Kanagawa di Hokusai è una immagine conosciuta universalmente che ha conquistato il mondo dei media. HokusaiLa grande onda di Kanagawa, 1830-1831 circa, xilografia, 25,7 x 37,9 cm. Museo di Hakone, Giappone e molte altre sedi espositive

Una grande onda si solleva dal mare tempestoso a sinistra e incombe su alcune imbarcazioni che si trovano sotto di essa. Sulle due barche si scorgono alcuni pescatori seduti ordinatamente su due file. La sagoma di un monte svetta all’orizzonte oltre il mare. In alto a sinistra è stampata la firma di Hokusai.

Questa xilografia di Hokusai è una delle immagini più note nella cultura occidentale. La grande onda fa parte della serie dal titolo Trentasei vedute del Monte Fuji ((富嶽三十六景 (Fugaku sanjūrokkei)).

La zona di mare rappresentata nella xilografia fa parte dell’odierna prefettura di Kanagawa. Inoltre il monte che compare sullo sfondo è il Monte Fuji.

In alto a sinistra dell’immagine compaiono due scritte in giapponese. Si tratta della firma dell’artista e del titolo dell’opera. All’interno del rettangolo verticale più chiaro è riportato il titolo cioè “Trentasei vedute del monte Fuji / al largo di kanagawa / sotto un’onda”. La seconda scritta rappresenta la firma dell’artista. Si può tradurre come “dal pennello di Hokusai, che cambiò il nome in Iitsu”. L’artista infatti trasformò molte volte il suo nome durante la carriera artistica. All’interno della serie delle 36 vedute del monte Fuji si riscontrano quattro firme differenti.

La grande onda veicola un significato simbolico e spirituale. Si può interpretare come una contrapposizione tra la forza della natura che incombe sulla fragile umanità.

La grande onda è quindi la rappresentazione della forza della natura che incombe e minaccia l’umanità. Il Monte Fuji sul fondo è un elemento religioso che in questo caso osserva indifferente il compimento del dramma.

La stessa onda viene anche antropomorfizzata. Infatti la forma della spuma è simile ad una mano che sembra abbattersi e artigliare i pescatori sottostanti. In questo senso la grande onda rappresenta anche la morte che incombe sulle persone.

L’artista Giapponese Jumpei Mitsui specializzato nel realizzare composizioni con i noti mattoncini Lego ha compiuto l’epica impresa di riprodurre con i Lego l’iconica xilografia La grande onda di Kanagawa , i mattoncini utilizzati sono circa 50.000 mila e le ore di lavoro impiegate sono state piu’ di 400!

E voi cosa ne pensate? Scriveteci nei commenti se assemblare Lego vi rilassa o meno, qual è stato il lavoro piu’ impegnativo che avete realizzato?

Articoli simili

Lascia un commento